Relais Domaine d’Auriac

A poche miglia dall’altra parte del fiume Aude da Carcassonne si trova il Relais Domaine d’Auriac – una maestosa proprietà storica in cui il tempo si ferma e la padrona di casa riceve i suoi ospiti come una famiglia, con calore e gentilezza.

Il Relais Domaine d’Auriac emana una fragranza, una più potente dei profumi delle piante mediterranee che fioriscono in questi terreni di trecento anni. È il profumo della storia. Storia con la H maiuscola, la storia che modella terre e civiltà. Innanzitutto, l’hotel è stato costruito sul sito neolitico di Carsac, l’origine della città di Carcassonne e ora patrimonio mondiale dell’UNESCO. Questo ex oppidum divenne in seguito un’abbazia, ma svanì durante la Rivoluzione francese, lasciando dietro di sé le vestigia, tra cui un certo numero di statuette. Dopo aver servito come sito di produzione chiave per il pastello (l’indelebile colorante blu fatto con guaina) sotto Napoléon, Auriac ha preso una svolta industriale che a lungo ha lasciato il segno: “Ricordo, quando ero una bambina, vedendo le grandi vasche di sedimentazione dove cocagne è stato elaborato secoli prima ” ricorda Marie-Hélène Rigaudis-Calvet.

Una clientela che abbraccia generazioni

La Maîtresse de Maison è anche erede di un’altra storia: quella di una famiglia: i suoi nonni acquistarono il sito negli anni ’70 prima che suo padre, Bernard, rilevasse la proprietà, trasferendola infine a Marie-Hélène. Questa eredità più personale può anche essere percepita all’istante quando si passa attraverso le porte, poiché quei legami familiari sono probabilmente responsabili dell’atmosfera calda e accogliente del Domaine d’Auriac. Un’atmosfera che può essere stimolante da creare su 124 acri che ospitano un campo da golf a 18 buche, un’incredibile piscina e così tanti edifici che formano quasi un borgo tutto loro, tutti a pochi chilometri dal frastuono di Carcassonne, ma al riparo dalla frenesia. Ma in effetti, ogni stanza, ogni suite, si sente come se fosse stata preparata per i propri cari, disposti in modo da garantire a tutti di essere coccolati, ognuno nel proprio bozzolo. “Mi dà un grande piacere avere una clientela così fedele e di lunga data che si estende su più generazioni”, afferma Marie-Hélène con sentimento. “Quando ero piccolo, giocavo con i bambini i cui genitori venivano al ristorante o in albergo. E questi bambini, ora adulti, sono tornati da allora, a volte tenendo qui i loro matrimoni, compleanni o feste di anniversario. Per due decenni, abbiamo persino avuto un cliente che faceva il viaggio di andata e ritorno dal Giappone ogni anno per festeggiare il Capodanno, “aggiunge, sorridendo. Fedeltà che è la ricompensa per il suo rispetto sincero per i valori cardinali della proprietà: “condividere, dare tempo, accogliere il tempo dato – è un’esperienza umana che dà a [me] la forza di fare questo lavoro”.

Una stella Michelin

Il suo know-how proveniva da un padre che lasciò questa terra troppo presto, ma che aveva ancora abbastanza tempo per trasmettere la ragion d’essere e il DNA della tenuta. Questi sono espressi, in parte, dalla cucina che prende i sapori semplici del Mediterraneo e i piatti tradizionali della regione e li rende indimenticabili. Philippe Deschamps, orgoglioso possessore di una stella Michelin, afferma di servire “classici locavore, biologici, incentrati sugli ingredienti, realizzati con prodotti provenienti da trenta produttori in un raggio di 30 miglia”. Alcuni dei piatti di questo maestro culinario – fedele ad Auriac per 30 anni e fedeli agli insegnamenti di Bernard Rigaudis: includono l’acciuga di Collioure preparata stagionalmente, il piede di maiale disossato ricostituito con il tartufo e il piatto tipico della regione, il cassoulet. Ricette che riescono ad essere al tempo stesso eccezionali e semplici, più o meno allo stesso modo in cui la tenuta è riuscita, nel corso degli anni, a unire maestosità e calore.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *